SICILIA UNESCO WINE TOUR

SICILIA UNESCO WINE TOUR

IL PRIMO PORTALE DEDICATO AL TURISMO ENOGASTRONOMICO DELLE TERRE DI SICILIA.UN VIAGGIO ACCOGLIENTE NELL’ISOLA DELLE ECCELLENZE

Immagine

Una Sicilia per intenditori, dove le suggestioni del Mito si intrecciano alle incursioni della storia, alle diverse culture che l’hanno attraversata imprimendo tracce uniche ed eterne. Luoghi, palazzi, chiese, piazze, siti archeologici, racchiudono scrigni di millenaria memoria che appartengono al cammino dell’umanità intera.

Un patrimonio storico ed artistico che insieme alla grande tradizione enogastronomica, declinano le sfaccettature del continente Sicilia. Impossibile abbracciarle tutte. Si polverizzano nella miriade di colori dei tramonti che pennellano gli orizzonti del mare, nei profili diversi di colline sinuose dove il cielo e la terra sembrano toccarsi, nel gusto di sapori e fragranze simboli di identità di appartenenza di un popolo al suo territorio.

 

UN TOUR DI EMOZIONI NELLA SICILIA DELL’UNESCO

Un tour di emozioni in una delle location più belle del Mediterraneo. La Sicilia possiede sei siti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Dall’area archeologica di Agrigento, inserita nel 1997, una delle tracce più impressionanti della civiltà greca in Sicilia alla Villa Romana del Casale di Piazza Armerina, mirabile esempio di lussuosa villa romana risalente al III-IV secolo a.C. Dalle splendide isole Eolie di origine vulcanica, ben sette posizionate al largo della costa settentrionale della Sicilia (Panarea, Stromboli, Vulcano, Alicudi, Filicudi, Lipari e Salina) alle città tardo barocche del Val di Noto, nella Sicilia sud-orientale ( Caltagirone, Militello Val di Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli) .

Immagine1

Dalla città antica di Siracusa con l’isola di Ortigia, primo insediamento greco avvenuto nel VIII secolo a.C. alla necropoli rupestre di Pantalica, la più grande necropoli archeologica d’Europa risalente al XX sec. a.C. Ed ancora l’Etna, inserito nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, per il suo immenso valore geologico, scientifico e culturale. Ed anche, nel 2015, l’itinerario architettonico arabo-normanno, che si snoda tra Palermo (con ben sette monumenti nel capoluogo dell’Isola), Cefalù e Monreale. Tra i beni immateriali, nell’Intangibile Heritage list dell’UNESCO, anche l’Opera dei Pupi, nata intorno al XIX secolo che si impernia sulla tradizione orale dei cantastorie e la pratica agricola della vite ad alberello di Pantelleria, diventa il simbolo dell’Italia bella e che vale.

RICORDI DA GUSTARE ED EMOZIONI DA VIVERE SULLE TRAME DELLA STORIA CON “SICILIA UNESCO WINE TOUR”

Immagine2

Si racconta nella passione degli artigiani del cibo e del vino che rigenerano autenticità nella conoscenza e nel gusto innestando tradizione ed innovazione, nel segno dell’eccellenza. Custodi di pratiche antiche di lavorazioni come quelle casearie ad esempio, che si tramandano da padre in figlio.

Ma anche sentinelle della salvaguardia dell’integrità paesaggistica ed ambientale per uno sviluppo etico e sostenibile. Le innumerevoli Riserve Naturali a macchia di leopardo nel territorio siciliano, come l’Oasi Faunistica di Vendicari, il paradiso delle cicogne, sono l’esempio del circuito virtuoso tra l’uomo e la natura.

Si trasmette nell’ospitalità calorosa, plus valore di una terra accogliente. Si distingue per la grande attenzione ai dettagli di pregio ed ai contesti d’eccezione.

Si vive sul filo delle emozioni al viaggiatore che si lascia accompagnare dal vento della storia e dai profumi e sapori di una Sicilia segreta e misteriosa. Lontana dai soliti luoghi comuni.

RICORDI DA GUSTARE… LA SICILIA IN CUCINA DISCHIUDE       INEDITI ITINERARI DI VIAGGIO. DAL PANE ALLA PASTA AL PESCE ALLO STREET FOOD, DAI DOLCI AGLI AGRUMI AI GELATI ALLE GRANITE, LA CUCINA È L’ESPRESSIONE PIU VERA DELL’ISOLA.

 

Crocevia di popoli e cultura, la cucina siciliana è l’espressione più autentica della sua storia. A tavola inizia un viaggio che dischiude prospettive di tempo ed immagini di luoghi dalla variegata composizione. Il susseguirsi di diversi popoli e di culture eterogenee ha dato vita nei secoli ad un’affascinante varietà gastronomica, dove gli antichi contributi della Magna Grecia, reminiscenze della cucina nobiliare francese e gli esotici aromi arabi si sono meravigliosamente fusi con la tipica dieta mediterranea, dando vita ad una delle più affascinanti e gustose tradizioni culinarie italiane.

Pesce sempre freschissimo, profumatissime spezie ed erbe aromatiche, grande assortimento di fritti, dolci da far venire l’acquolina in bocca, frutta secca ed agrumi di una terra baciata dal sole…

Cucina ricca di prodotti fragranti, di richiami gastronomici che stanno in un succulento equilibrio tra terra e mare.

Come tutte le cucine povere, è ricorrente l’uso del piatto unico. Largo alla pasta che arricchita dai prodotti del luogo, è un piatto unico. È il caso della pasta con le sarde, della pasta al forno, o quella con gli ortaggi come i broccoli.

Un posto di riguardo, il pane di cui la Sicilia è ricca, tra cui il caratteristico Pane Nero che è accompagnato dall’ottimo olio di oliva, dall’origano fresco e dal pomodoro, danno vita a quella bontà che è il pane cunzato.

Con l’influsso della cultura araba, la cucina diventa da “mille e una notte”. La caponata di melenzane è un esempio di come diversamente vengono elaborate le verdure, gli involtini di carne (ripieni di pangrattato, uva passa, pinoli, formaggio ed aromatizzato con alloro e cipolla) le sarde a beccafico (con pangrattato, limone e pinoli).

È agli Arabi che si deve l’introduzione degli agrumi, dello zucchero, della cannella e dello zafferano. Oltre a quella del riso che in Sicilia ha avuto modi di cottura diversi. Basti pensare alla famosa arancina, emblema della cucina siciliana.

Il pesce è il principe della tradizione culinaria siciliana, proposto in modo variegato e ricco. Tra le specialità, il tonno ma anche il pesce spada, le sarde, le alici.

Particolari le preparazioni del pesce spada alla ghiotta, del maestoso gambero. Un piatto indimenticabile, è il couscous, di origine magrebina realizzato con il pesce.

Ma è la pasticceria, il vero trionfo della creatività siciliana in cucina. Lungo il viaggio si incontrano, cannoli dalla tipica sfoglia croccante farcita di crema di ricotta, l’opulenta cassata dai magnifici colori, il tradizionale gelo di mellone (gelatina di anguria) profumato alla cannella, le tipiche “cassatedde” di ricotta.

Ma ogni territorio è uno scrigno di dolci golosità. Indimenticabili, per combattere la calura estiva, i gelati e le granite, prodotti artigianalmente. Ce n’è per tutti i gusti: dalla granita di caffè a quella di mandorle al limone. E per palati raffinati, la granita al gelsomino.

All’ombra dei capolavori dell’umanità, la Sicilia prende per la gola….

SICILY UNESCO WINE TOUR: SICILY WINEXPERIENCE…

Il vino siciliano racconta un’emozione lunga secoli, dai Fenici ai Greci, dagli Arabi ai Borboni, la storia della Sicilia è intrisa del nettare di Bacco. Il vino, espressione dell’identità culturale della Sicilia, è anche il suo contesto, i luoghi in cui nasce, il patrimonio di biodiversità ambientale e paesaggistico e culturale che racchiude.

Con un calice di vino, la Sicilia dell’Unesco è un’emozione in più perché trasforma il soggiorno in un’esperienza unica per gli occhi, il corpo e per il palato.

About the author /


logo footer
Palermo
Tel: (+39) 334 3796735
P.iva: 06115770825

Rosa d’Eventi su Facebook